Published On: Tue, Sep 3rd, 2013

Euro Woes: Supporting the Italian lira

When the countries of Europe embraced the euro they sacrificed part of their identities – Mario Matassa ponders the much-loved lira, and the growing number of Italians who are beginning to support its return…

Dolore Euro

Più di un semplice valore monetario, una moneta può avere un’anima? Qualunque sia il clima economico, non potrei mai immaginare che gli americani riunciano il loro dollaro amata o, manco a dirlo, gli inglesi abbandonando la sterlina. Eppure oltre 12 anni fa, questo è esattamente quello che circa 300 milioni di cittadini europei hanno fatto quando l’euro è stato introdotto il 1 gennaio 2002.

Gli italiani hanno preso una visione pragmatica dell’euro nei primi giorni. Hanno accettato il cambiamento, così come molte nazioni, nella convinzione che sarebbe utile creare una maggiore integrazione europea e agirebbe come uno scudo protettivo economica. I paesi che sono rimasti fuori dell’unione monetaria sarebbero stati isolati ed esposti, per cui l’argomento è andato. Eventi negli ultimi anni, tuttavia, hanno dimostrato che argomenti a favore dell’euro si sono dimostrati fragili.

Ma la recessione mondiale e crisi finanziarie a parte, c’è qualcosa di forse ancora più debilitante per l’orientamento futuro della moneta unica. E ‘una questione di anima – in altre parole, l’euro proprio non ce l’ha. Gli italiani hanno sempre più nostalgia per la vecchia valuta, la lira. Come ha detto un economista: “L’Euro è una moneta che nessuno ama … è considerata senza cuore, senza anima e senza bandiera”. L’amore che gli americani hanno per il loro dollaro o gli inglesi per la loro sterlina non si è concretizzato con l’Euro.

Un recente sondaggio da Euromedia Research mostra che un italiano su due è contro il ritorno della Lira. Proprio l’anno scorso quando il governo Berlusconi è crollato circa il 70 per cento degli italiani non potevano immaginare un ritorno alla vecchia moneta. Nello stesso periodo, il numero degli italiani che vorrebbero vedere la fine dell’euro è salito dal 25 per cento al ​​39 per cento.

Secondo Alessanda Ghisleri, autore della ricerca, è una questione di percezione. In questo momento, l’euro viene percepito “un corpo estraneo, con la quale dipendiamo da altri paesi, mentre la lira è nostra. Le famiglie italiane non vogliono che la loro agenda sia decisa da un’entità lontana che non riconosce le loro problematiche.” La famiglia è sempre al primo posto in Italia e la famiglia italiana semplicemente non si sente ad abbracciare l’euro – la probabilità è che il tasso di divorzio continuerà.

Euro woes

More than just monetary value, can a currency have soul? Whatever the economic climate, I could never imagine the Americans giving up their beloved dollar or, needless to say, the British abandoning the pound. Yet over 12 years ago that’s exactly what some 300 million Europeans did on 1 January 2002.

Italians took a pragmatic view of the euro in the early days. They accepted the change, as did many nations, in the belief that it would help to forge greater European integration and would act as a protective economic shield. Countries outside the currency union would be isolated and exposed, so the argument went. Events over recent years, however, have shown that arguments in favour of the euro have proven fragile.

But world recession and financial crises aside, there’s something perhaps even more debilitating for the future direction of the single currency. It’s a question of soul – put another way, the euro just doesn’t have it. Italians are becoming increasingly nostalgic for their former currency, the lira. As one economist put it: “The euro is a currency that nobody loves… it’s considered without heart, without soul and without identity”. The love that Americans have for their dollar or the British their pound simply hasn’t materialised with the euro.

A recent poll by Euromedia Research shows that one Italian in two is against the return of the lira. Just last year when Berlusconi’s government collapsed, some 70 per cent of Italians couldn’t imagine a return to the old currency. Over the same period, the number of Italians who would like to see an end to the euro rose from 25 per cent to 39 per cent.

According to Alessanda Ghisleri, author of the research, it’s a question of perception. At this time, the euro is perceived as “a foreign body, the value of which is dictated by other countries, whereas the lira is ours. The Italian family doesn’t want their agenda being dictated by a far away entity who doesn’t understand their problems.” Family has always come first in Italy and the Italian family simply can’t embrace the euro – the probability is that the divorce rate will continue.

The Author
Mario Matassa is a freelance journalist and photographer. He lives and works near Parma in Emilia-Romagna. Read more from Mario at www.mariomatassa.blogspot.co.uk

Tags: ,
Read previous post:
Italian Red Wine: Vino Nobile di Montepulciano

It is often mistaken for being from Abruzzo, but this lesser-known Italian red wine from a village in Tuscany is...

Close